Le novità del centro AP

09 / Aprile / 2019

CIUCCIO SI O CIUCCIO NO?

Le risposte alle domande più frequenti

09 / Aprile / 2019

17 / Luglio / 2018

LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO

17 / Luglio / 2018

30 / Ottobre / 2017

TUTTI A LAVORO!

30 / Ottobre / 2017

07 / Agosto / 2017

LE ABITUDINI VIZIATE

Perché è importante prevenirne l'insorgenza?

07 / Agosto / 2017

06 / Luglio / 2017

DSA: PARLANDO DI PREREQUISITI DELL'APPRENDIMENTO

I prerequisiti come base per un buon apprendimento scolastico

06 / Luglio / 2017

31 / Luglio / 2019

Corsi di Inglese in arrivo al Centro Ap!

31 / Luglio / 2019

-       Lunedì       13:00-14:30
  • -       Mercoledì  19:00-20:30     oppure       20:30-22:00
  •         Sabato :    10:00-11:30

  • -->

    02 / Dicembre / 2019

    Ritardo di Linguaggio: cos'è e quali sono i segnali a cui fare attenzione

    02 / Dicembre / 2019

    6-10 mesi: assenza di lallazione
  •      - 12-14 mesi: assenza o scarso utilizzo di gesti comunicativi: indicare, chiedere, mostrare
  •      - vocabolario ristretto (meno di 50 parole a 24 mesi)
  •      - lenta crescita del vocabolario (vengono acquisite poche parole al mese)
  •      - assenza del linguaggio combinatorio a 24 mesi
  •      - inventario consonantico ridotto rispetto all’età, limitato ai fonemi più semplici da acquisire come le consonanti m, p, t
  •      - linguaggio caratterizzato da una ridotta intelligibilità generale

  • Perché è importante intervenire precocemente?


    È importante tenere conto del fatto che ogni bambino raggiunge le tappe principali in tempi differenti ma che queste devono essere comunque raggiunte entro determinati range di età affinché ci sia uno sviluppo armonico.

    Molti dei bambini che manifestano un ritardo di linguaggio, pur migliorando pian piano, manterranno delle competenze più deboli rispetto ai coetanei.

    In altri bambini, questo ritardo evolverà in un vero e proprio Disturbo Specifico di Linguaggio (DSL), in alcuni di loro il disturbo persisterà oltre i 6 anni, traducendosi, con l’ingresso a scuola, in un Disturbo Specifico dell’Apprendimento . Un ritardo di linguaggio, inoltre, può rappresentare anche un campanello di allarme di difficoltà ben più gravi: disprassia, sindromi dello spettro autistico, un ritardo cognitivo, ed altro. 

    -->